Nuovi trend immobiliari: micro-appartamenti

Ragazzo di CampagnaPochi metri quadrati dotati di ogni comfort e curati nei minimi dettagli è questo il nuovo filone immobiliare del microliving analizzato in un articolo di Paola Trezza del Sole 24 Ore.
L’articolo cita esempi di grandi città estere come  Londra, Amsterdam, Berlino o New York citando anche gli esempi limite di Hong Kong (dove le dimensioni minime ricordano un famoso film di Renato Pozzetto).
Il governo tedesco ho investito molto per i micro-appartamenti (120 milioni di euro negli ultimi due anni soprattutto Berlino, Francoforte ed Amburgo).
Ma cosa sono i micro-appartamenti?
Parliamo di unità immobiliari con un superficie massima compresa fra i 30 e i 40 metri quadri e, all’estero, sono spesso progettati con spazi di condivisione per coloro che vi abitano, dalle sale comuni dove lavorare, alla lavanderia, sino alla zona pranzo con cucina comune.
Sono richiesti in Italia?
Questa è una domanda importante in quanto il trend sta crescendo anche da noi principalmente nelle città più grandi e soprattutto se sedi di importanti facoltà universitarie che attirano studenti da altre città e dall’estero.
La richiesta è spinta anche degli affitti brevi e dai giovani che si spostano per motivi di lavoro o studio. In questi casi la voce “costi” è la più importante e determina di conseguenza la riduzione delle dimensioni in favore di un posizionamento dell’immobile in zone centrali o ben servite.
Bisogna inoltre tenere conto delle modiche che sta subendo la nostra società, oggi, una famiglia su tre è composta da una sola persona (dati ISTAT) e costituisce il 31,6% per cento delle famiglie.
Il mercato immobiliare italiano risulta molto poco adeguato per una domanda di questo tipo, ma come già detto la richiesta di micro-appartamenti è in crescita. Per citare alcuni dati a Milano le abitazioni fino a 50 mq scambiate nel 2017 hanno superato il 14% del totale a Torino il 13%, a Napoli 17,1% ed a Roma l’11% degli acquirenti ha scelto il monolocale.

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Comments are closed.